Danzare con tatto emotivo® - adulti - www.ctolmi24.it
2009
post-template-default,single,single-post,postid-2009,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Danzare con tatto emotivo® – adulti

Danzare con tatto emotivo®
Adulti

Danza e Gestalt Counseling

Cosa accadrebbe se invece di limitarci a costruire la nostra esistenza,
avessimo la saggezza o la follia di danzarla?
(R. Garoudy)

Quando: mercoledì 20.00 – 21.30
dal 9 ottobre per 12 incontri – sala rossa

Danzare con tatto emotivo permette di esprimere la propria umanità.
Con il corpo che si ha e le emozioni che lo abitano.
Con la propria storia ed età.
Danzare rappresenta il superamento dei propri confini, per proiettarsi nel mondo e interagire meglio con esso, mettendo in relazione l’ambiente interno ed esterno.
La danza, ampliando il linguaggio del corpo rispetto ai limiti della quotidianità, è un’esperienza che svela, avvolge, trasforma, avvicina.
Le esperienze che si vivono con Danzare con tatto emotivo fanno stare meglio con se stessi e con gli altri, mettono in contatto con il proprio corpo e la propria modalità creativa, promuovono benessere e conoscenza di sé.

Più che una forma di terapia, Danzare con tatto emotivo è una proposta di formazione ed esplorazione della persona, a mediazione artistica e coreutica secondo l’approccio Gestaltico e orientata ad un benessere autentico.
Permette di conoscersi meglio nell’unità di corpo-emozioni-pensiero, di svelare a se stessi le proprie potenzialità utili a vivere meglio la quotidianità, per affrontare meglio lo stress, le relazioni, la comunicazione con se stessi e gli altri, gli eventi belli e brutti che la vita ci propone, danzando e non solo.
L’uso dell’arte della danza e quindi di un linguaggio metaforico, anche se denso di corpo,
riesce a diluire l’essenza dei vissuti emozionali permettendo a immagini, movimenti, danze, di forte carica espressiva, di manifestarsi senza destabilizzare e scompensare eccessivamente.
Si instaura così un processo di apprendimento su di sé, ed elaborazione graduale che può diventare una base per il cambiamento e l’integrazione dei contenuti rappresentati.
Il lavoro sollecita, in modo olistico, il corpo per la scoperta della propria danza, le emozioni che intervengono nel percorso esplorativo, la mente attraverso l’elaborazione e l’assimilazione dell’esperienza attraverso la parola, spesso usata secondo una modalità poetica.

 

PER INFORMAZIONI:

Elisabetta Ghetti
elisabettaghetti@gmail.com
+39 329 9625570

 

 

Photo by Ahmad Odeh on Unsplash